Contact : Per informazioni: 0461 1920727

FAQ

Come si versa il contributo associativo?

Le aziende versano il contributo associativo, utilizzando il MAV che è inviato trimestralmente da Mutua Artieri attraverso UNICREDIT.

Il contributo associativo è tutto a carico delle aziende?

Si. I contributi sono interamente a carico delle aziende.

A quanto ammonta il contributo associativo? E deve essere versato anche per i lavoratori a part time?

Si. Il contributo ammonta a 10,42 euro a mese ed è dovuto anche per i lavoratori part-time in egual misura.

Il contributo associativo a SIA3 è obbligatorio?

La mancata contribuzione al Fondo Sia3 determina l’obbligo per il datore di lavoro di erogare un importo forfetario, che dovrà essere chiaramente indicato in busta paga sotto la voce “Elemento Aggiuntivo della Retribuzione”, pari a 25 euro lordi mensili per tredici mensilità, cosi come previsto dal CCNL di categoria.
Le prestazioni erogate da SIA3. costituiscono un diritto soggettivo contrattuale dei lavoratori e pertanto l’azienda che ometta il versamento dei contributi al Fondo è altresì responsabile verso i lavoratori non iscritti della perdita delle relative prestazioni sanitarie, fatto salvo il risarcimento del maggior danno subito.

Ci sono strutture sanitarie convenzionate? E come si accede?

Le strutture convenzionate sono indicate sul sito nella sezione dedicata. La tessera personale SIA3 ti consente l’accesso alle strutture  convenzionate dislocate su tutto il territorio provinciale, oltre che di usufruire di tutti i servizi e agevolazioni previsti dal piano sanitario.

Il ticket che sarà richiesto per la ricetta medica (impegnativa) è rimborsabile? Se si, in quale misura?

Per ora il piano sanitario non prevede i rimborsi dei ticket sulle ricette, perché rappresenta una novità. Il Consiglio di Amministrazione del Fondo dovrà fare una valutazione complessiva e prendere una decisione.

Quando si riceverà il rimborso richiesto?

Il rimborso, previa valutazione della relativa documentazione, ti verrà liquidato in brevissimo tempo direttamente sul tuo conto corrente.

Entro quando si deve chiedere il rimborso?

I rimborsi vanno richiesti in corso d’anno entro 60 giorni dalla data della fattura e, comunque, entro il termine massimo del 31 gennaio dell’anno successivo a quello della prestazione.

Come si chiede il rimborso delle prestazioni sanitarie?

E’ possibile richiedere il rimborso:

  • ON-LINE, grazie al servizio attivato sul sito di Mutua Artieri (rimborsi.mutuaartieri.it)
  • via e-mail o personalmente, compilando il modulo di richiesta rimborso presente sul sito e presentandolo presso la sede di Mutua Artieri o dei Patronati (INCA-CGIL, INAS-CISL, ITAL-UIL), oppure inviandolo tramite posta elettronica a rimborsi@mutuaartieri.it assieme alla copia dell’impegnativa del medico e delle fatture delle prestazioni ricevute

E’ possibile estendere la copertura anche ai familiari?

Ora il fondo non prevede la copertura per i familiari. Però è un’ipotesi che sarà presa in considerazione.

Quali sono le prestazioni rimborsabili?

Le prestazioni rimborsabili riguardano quelle contenute nel piano sanitario specifico e illustrate sul sito alla pagina servizi